Home / Percorsi di Sicurezza / 2009 / Normativa

Normativa

“Determinazione dei requisiti per l’iscrizione nell’elenco prefettizio del personale addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi, le modalità per la selezione e la formazione del personale, gli ambiti applicativi e il relativo impiego, di cui ai commi da 7 a 13 dell’articolo 3 della legge 15 luglio 2009, n. 94”.

“Regolamento recante disposizioni per l'affidamento dei servizi di sicurezza sussidiaria nell'ambito dei porti, delle stazioni ferroviarie e dei relativi mezzi di trasporto e depositi, delle stazioni delle ferrovie metropolitane e dei relativi mezzi di trasporto e depositi, nonché nell'ambito delle linee di trasporto urbano, per il cui espletamento non e' richiesto l'esercizio di pubbliche potestà, adottato ai sensi dell'articolo 18, comma 2, del decreto-legge 27 luglio 2005, n. 144, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2005, n. 155”.

Determinazione degli ambiti operativi delle associazioni di osservatori volontari, requisiti per l'iscrizione nell'elenco prefettizio e modalità di tenuta dei relativi elenchi, di cui ai commi da 40 a 44 dell'articolo 3 della legge 15 luglio 2009, n. 94”.

Nota

Tramite questo Decreto si da attuazione alla Legge 94 del 2009, allorché si disciplina l’attività delle associazioni di cittadini (denominati “osservatori volontari”) deputate all’attività di vigilanza ed osservazione su specifiche aree del territorio, al fine di segnalare alla Polizia locale o alle Forze di Polizia dello Stato situazioni di disagio sociale ovvero eventi che possano arrecare pregiudizio alla sicurezza urbana.

Normativa Correlata

Disposizioni in materia di sicurezza pubblica;

Conversione del D. L. 23. febbraio 2009, n.11, Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori;

“Incolumità pubblica e sicurezza urbana: definizione e ambiti di applicazione”;

Conversione in legge con modifiche del D.L. 23 maggio 2008 n. 92 recante misure urgenti in materia di sicurezza pubblica;

“Disposizioni in materia di sicurezza pubblica”.

Nota

Questa norma prevede, per ciò che riguarda specificamente la sicurezza integrata, la possibilità per i sindaci, previa intesa con il prefetto, di avvalersi della collaborazione di associazioni tra cittadini non armati al fine di segnalare alle Forze di polizia dello Stato o locali, eventi che possano arrecare danno alla sicurezza urbana ovvero situazioni di disagio sociale. La legge rinvia ad un apposito Decreto Ministeriale la disciplina dell’attività di questi volontari. Questo pacchetto sicurezza prevede, poi, altre importanti misure quali:

  •   introduzione del reato di immigrazione clandestina che prevede un’ammenda da 5.000 a 10.000 euro per lo straniero che entra illegalmente nel territorio dello Stato.
  • limiti ai matrimoni di interesse: per acquisire la cittadinanza italiana non sarà più sufficiente la semplice effettuazione del matrimonio ma occorrerà che il coniuge, straniero o apolide, di cittadino italiano risieda legalmente da almeno due anni nel territorio della Repubblica (ovvero tre anni se la residenza è invece all'estero);
  • misure di contrasto all'impiego di minori nell'accattonaggio;
  • misure in materia di confisca dei beni di provenienza illecita;
  • via alle c.d. ronde: possibilità per i sindaci di avvalersi della collaborazione di associazioni (formate principalmente da ex appartenenti alle forze dell'ordine) di cittadini non armati in grado di segnalare casi di disagio sociale o che rechino
  • pregiudizio alla sicurezza (c.d. ronde cittadine);
  • estensione della permanenza nei CPT (rinominati "centri di identificazione ed espulsione" dal Decreto Legge 23 maggio 2008) fino ad un massimo di 180 giorni;
  • reintroduzione del reato di oltraggio a pubblico ufficiale.

Normativa Correlata

Conversione del D. L. 23. febbraio 2009, n.11, Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori;

“Incolumità pubblica e sicurezza urbana: definizione e ambiti di applicazione”;

Conversione in legge con modifiche del D.L. 23 maggio 2008 n. 92 recante misure urgenti in materia di sicurezza pubblica;

T. U. delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero.

Regione Friuli Venezia Giulia, Disposizioni in materia di politiche di sicurezza e ordinamento della polizia locale.

conversione in legge del decreto-legge 23 febbraio 2009, n. 11, "Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori".

Nota

L’art. 6, comma 7 della legge autorizza i comuni, per la tutela della sicurezza urbana, ad utilizzare sistemi di videosorveglianza in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

Normativa Correlata

"Codice in materia di protezione dei dati personali"